Soffia il vento

Pagine per la libera informazione

Parole chiave


    E se tutto questo l’avesse fatto Berlusconi? di Alessandro Ferrucci

    Condividere
    avatar
    ggallozz

    Messaggi : 71
    Data d'iscrizione : 11.12.13

    E se tutto questo l’avesse fatto Berlusconi? di Alessandro Ferrucci

    Messaggio Da ggallozz il Lun Feb 01, 2016 12:29 pm

    Amici da sistemare, favori da restituire. La magistratura? Ovvio, da attaccare. Le lobby da accontentare, la stampa da limitare, l’Imu da abolire, Mediaset da finanziare, la tv di Stato da gestire, gli aerei di Stato pronti a decollare, la politica da sovvenzionare. L’Italicum non si discute. No, non è una filastrocca, non è uno scherzo, non è neanche il programma di governo di Silvio Berlusconi, è una sintesi estrema di due anni di Matteo Renzi, oramai diventato Caimanino. Ecco i 41 casi. 

      2.marzo.2014 Dal Cencelli al Renzelli. Nasce l’esecutivo, e Matteo Renzi costruisce il suo “dream team” con spartizioni calibrate, alla faccia di competenze e capacità. Alcuni esempi? Angela D’Onghia, sottosegretario, imprenditrice dell’abbigliamento, va alla scuola; Gioacchino Alfano, commercialista, consulente tecnico al tribunale di Torre Annunziata, curatore fallimentare, alla Difesa; Maria Carmela Lanzetta, 59 anni, farmacista, agli Affari Regionali; Benedetto Della Vedova, economista liberista, agli Esteri. E ancora, e ancora.
     20.marzo.2014 Genovese e Barracciu. Due uomini del Pd nei guai. Per Francantonio Genovese, azionista di maggioranza dei renziani in Sicilia, l’accusa di peculato e truffa. Altra storia per Francesca Barracciu, sottosegretario alla Cultura, indagata per peculato aggravato. Silenzio nel governo. 
     29.marzo.2014 Il regalo di Bankitalia. La rivalutazione delle quote di Banca Italia ridà ossigeno ai bilanci delle big del credito: circa 4,6 miliardi di euro considerando solo le “grandi firme”. Si tratta di una legge che innalza da 156 mila a 7,5 miliardi il valore del capitale sociale di Palazzo Koch.
      2.aprile.2014 No custodia cautelare. Il Senato approva la riforma della custodia cautelare, secondo gli ultimi emendamenti approvati, il giudice non potrà disporre il carcere né la detenzione in casa, se è prevedibile che l’indagato possa essere condannato a pene inferiori ai quattro anni. 
     20.aprile.2014 La partita del Cuore. Il 19 maggio ci sono le Europee, ma una settimana prima è previsto un match di calcio di beneficenza a Firenze: il premier vuole scendere in campo, ci sono anche Baggio e Antonioni tra i convocati, e soprattutto la diretta di Rai1. Una bella vetrina elettorale. Alla fine è costretto a rinunciare.
     24.aprile.2014 Ancora Genovese. La giunta per le autorizzazioni a procedere della Camera prende tempo: la decisione è rinviata a dopo le Europee. 
     30.aprile.2014 C’è posta (gratis) per lui. Nella conferenza stampa di metà mese, Renzi aveva annunciato la cancellazione delle tariffe agevolate per i politici. Nel decreto la sorpresa: il taglio è previsto per dopo le Europee. Conviene.
     12.giugno.2014 Colpa dei magistrati. Passa alla Camera una proposta che consente agli imputati di denunciare le toghe in caso di errore. Csm e Anm: “A rischio l’indipendenza dei giudici”. Fondamentali 70 franchi tiratori del Pd. 
     11.settembre.2014 Commissaria il Csm. Per la prima volta come vicepresidente dell’organo di autogoverno dei magistrati, viene nominato un membro del governo, Giovanni Legnini.
     13.settembre.2014 Regalo al Vaticano. Renzi vuole assegnare l’8 per mille dello Stato agli edifici di culto, esentare quasi tutti gli immobili religiosi da Tasi e Imu, e riconoscere la deduzione fiscale alle scuole private.
     17.settembre.2014 Scudo dell’Eni. In aula accusa magistratura e stampa di danneggiare le grandi imprese. Al centro della vicenda c’è un’inchiesta sull’Eni indagata per corruzione internazionale. Alla Camera lo stesso Renzi attacca: “In queste ore un’azienda, che è la prima azienda italiana, è stata raggiunta da uno scoop, da un avviso di garanzia (…). Lo dico qui in Parlamento: non consentiamo a nessuno scoop di mettere in difficoltà decine di migliaia di posti di lavoro e non consentiamo agli avvisi di garanzia di cambiare la politica aziendale”. 
     22.ottobre.2014 Firme false. Un documento anomalo (e apocrifo) al Senato, farcito con firme sospette. Per blindare il governo e liquidare il delicato discorso in aula di Renzi sulla manovra all’esame della Commissione europea, i capigruppo di maggioranza spediscono agli uffici di Palazzo Madama un documento infarcito di firme false.
     27.novembre.2014 Comanda Confindustria. Un documento del presidente Squinzi “proposte per il mercato del lavoro” conteneva già tutto il Jobs Act: via l’articolo 18, “demansionamento” e controllo sui dipendenti. 
     2.gennaio.2015 Grandi evasori. Nel decreto di Natale una norma consente di evitare il carcere a chi evade sotto il 3% del fatturato. Secondo lo stesso Mef, così si rischia di sanare anche la frode fiscale. 
     4.gennaio.2015 A spese nostre. Vacanze di Natale a Courmayeur con il volo di Stato: dopo la missione in Albania, Renzi raggiunge la Val d’Aosta grazie a un Falcon 900.
     12.gennaio.2015 Maledette primarie. In Liguria nei verbali dei garanti del partito tutti gli episodi sospetti: dai cinesi accompagnati per votare, agli stessi politici di destra presenti, al denaro. Cofferati denuncia, Renzi lo attacca. Cofferati abbandona il partito.
     25.gennaio.2015 Regalo a Mediaset/1. Mega favore a Berlusconi: nel milleproroghe il Governo rinvia di 18 mesi il passaggio alla tecnologia digitale che avrebbe penalizzato il Biscione.
     25.febbario.2015 Chi c’era a cena?. Dopo le kermesse di Milano e Roma con Buzzi tra i presenti (1,5 milioni d’incasso), Renzi aveva promesso. “Avrete la lista dei sostenitori”. Alla fine escono alcuni nomi, per un totale dichiarato di 100mila euro. E il resto?
     1°.marzo.2015 In Russia con amore. Nel periodo dell’omicidio di Boris Nemtsov (oppositore di Putin ), mentre l’Europa condanna l’episodio, Renzi va in Russia. Pecunia non olet.
     4.marzo.2015 In volo con Renzi. Il premier, con 6.000 ore di voli di Stato all’anno (costo di 50 milioni di euro) triplica il dato di Enrico Letta (1.800 ore) e sfiora il record dell’ex Cavaliere (7.000).
     14.marzo.2015 Regalo a Mediaset/2. Nel bilancio 2014 il governo Renzi spende 2,4 mln di euro su 4,9 totali in pubblicità istituzionale sulle reti di Berlusconi sottraendoli a Internet.
     22.aprile.2015 Migranti al macero. Per “Mare nostrum” l’Italia spendeva 9,6 mln al mese, con Triton la cifra passa ad appena 3. Ma il risultato è drammatico: al posto delle 56 vittime nei primi mesi del 2014, si passa 1.750.
     29.aprile.2015 Come Scelba e Mussolini. Il governo mette la fiducia alla Camera sull’Italicum. Gli unici precedenti di fiducia su una legge elettorale sono quelli della “legge Acerbo” del 1923, e la “legge truffa” del 1953.
     10.luglio.2015 Letta è un incapace. Esce un’intercettazione del gennaio del 2014 con Renzi che dice al generale Adinolfi: “Enrico è incapace, lo mando al Quirinale. Berlusconi è disponibile”.
     18.luglio.2015 L’Imu come B. Il premier promette sgravi fiscali per 45 miliardi a cittadini e imprese. Proprio come l’ex Cavaliere quando era presidente del Consiglio.
     30.luglio.2015 Non toccate Azzollini. Il ras dell’Ncd viene salvato dall’arresto per bancarotta, il Pd si rimangia il voto in giunta e presta in aula almeno 60 senatori ad Alfano e FI per evitare le manette al capo della commissione Bilancio.
     26.agosto.2015 Renzi con i ciellini. Il premier a Rimini: “L’Italia rovinata da Berlusconi e dagli antiberlusconiani”.
     10.settembre.2015 Ancora soldi. I partiti vogliono incassare 45 mln senza averne diritto perché i bilanci non sono certificati. Ma la Camera approva.
     12.settembre.2015 Air Force Renzi. Il premier non si accontenta più della flotta, così è pronto un jet per viaggi di oltre 12 ore di volo, con wi-fi e sale riunioni. Il prezzo? Tra i 20 e i 50 mln di canone annuo.
     13.settembre.2015 La partita di tennis. Va alla finale di New York tra Flavia Pennetta e Roberta Vinci. Non può mancare. Peccato il costo: 150.000 euro.
     26.settembre.2015 7 microfoni solo per lui. Per il suo viaggio negli Stati Uniti (assemblea Onu), la Rai si mobilita: oltre alle due corrispondenti, la tv invia i cronisti di Tg1, Tg2, Tg3. Rainews e Giornale Radio. Tutti per lui.
     17.ottobre.2015 Processo per evasione. Renzi va a parlare di tasse e lotta all’evasione alla Danieli di Udine. Peccato che il capo dell’azienda, con altri sei manager, è sotto processo per evasione fiscale per non aver pagato 80 milioni di euro.
     22.ottobre.2015 Evviva il “nero”. La legge di Stabilità cancella l’obbligo di pagare i canoni con bonifici. Contante senza limiti anche nell’autotrasporto. E le mafie ringraziano.
     29.ottobre.2015 Contante a 3 mila euro. Si passa da un limite di mille euro al triplo.
     7.novembre.2015 Ponte sullo Stretto. Da Vespa il premier annuncia la volontà di costruire la celebre infrastruttura.
     5.dicembre.2015 Più in tv del Caimano. Secondo un calcolo dei Radicali, quando Berlusconi era al Governo, la sua presenza sui Tg della Rai era la metà di quella del rottamatore oggi.
     23.dicembre.2015 E il Caimanino. La riforma della tv pubblica dà pieni poteri all’amministratore delegato: Campo Dall’Orto (presente alla Leopolda) potrà piazzare chi vuole come direttore dei Tg.
     2.gennaio.2016 A favore di lobby. Super rincaro dei pedaggi; bollette più alte e anche i treni (che dovrebbero disincentivare l’uso delle auto inquinanti) costeranno di più.
     5.gennaio.2016 Piazzista di Marchionne. Per la prima volta un premier sponsorizza il debutto a Piazza Affari di un’azienda privata. E ciò nonostante il Lingotto faccia di tutto per evitare di pagare imposte in Italia.
     8.gennaio.2016 Un Rolex è per sempre. In occasione della missione del governo a Ryad, la delegazione italiana litiga per i doni sauditi: tutti orologi lussuosi (in barba alla legge Monti che impone di rifiutarli). Dei gioielli non c’è più traccia.
     16.gennaio.2016 L’amico Carrai. Il fedelissimo del Giglio magico, da anni attivo nel settore della cyber security, doveva andare all’agenzia per la sicurezza informatica. Pretendeva per sé e la sua squadra la qualifica di “agente segreto”.

      La data/ora di oggi è Gio Nov 23, 2017 6:36 pm